domenica 7 giugno 2015

Filo d'argento

                                                       


C’era una volta, nella Parigi delle carrozze e degli strilloni, una piccola e graziosa bottega che confezionava abiti molto speciali.
   A renderli tali erano le mani di una sartina non più giovane che sapeva tagliare, cucire e ricamare con una grazia e un talento che poche persone al mondo possedevano.
   Un tempo era stata bella come le signore che varcavano la porta della sartoria,  forse non ricca ed elegante come loro, ma bella sì!
   Da allora erano passati molti anni e, come spesso accade, il tempo aveva spruzzato d’argento i suoi capelli e sbiadito i ricordi di una vita che non le apparteneva più.
   Il piccolo retrobottega del negozio era diventato il suo mondo, la sua finestra segreta su quella città che ogni mattina si svegliava per raccontare centinaia di storie che lei amava ascoltare.
   E mentre le mani della sartina imbastivano e cucivano, i suoi occhi osservavano la vita che scorreva al di là del vetro appannato.
  Il garzone del fornaio che correva per non arrivare tardi la lavoro e che ogni mattina inciampava nello stesso gradino facendo volare per aria quei libri da cui non riusciva a separarsi. La fioraia che sistemava tulipani e rose in vetrina, cercando di nascondere agli occhi della gente le sue mani nodose e segnate da graffi che non sarebbero mai guariti. Il giovane padre che accompagnava in silenzio i suoi bambini a scuola, cercando di celare dietro un sorriso lo sguardo immensamente triste di un uomo solo.
   Giorno dopo giorno, le persone che animavano quell’angolo di mondo oltre la finestra, erano diventate parte della sua vita.  E così come aveva sempre fatto, all’interno di ogni abito confezionato per loro, Josephine ricamava la propria iniziale con un suo capello d’argento, sperando che quell’invisibile gesto d’amore avrebbe portato loro un po’ di felicità.
   Negli anni, ognuno di quei capelli d’argento portò all’avverarsi di un sogno creduto impossibile. Ed era questa la vera felicità di Josephine.
   Fu così che in un giorno come tanti altri, il padre rimasto solo a crescere i suoi figli, incontrò una bellissima donna e se ne innamorò perdutamente e che qualche tempo dopo il garzone distratto inciampò in un distinto signore che, commosso dalla sete di sapere del giovane, decise di prenderlo sotto la sua ala e pagargli un’istruzione che gli avrebbe permesso di cambiare vita.
   Senza mai uscire dall’ombra, Josephine donò la felicità a molte più persone di quante potesse immaginare.
   Non aveva mai chiesto o desiderato una vita diversa da quella che aveva. Le bastava la piccola bottega all’angolo della strada, abbastanza legna per scaldarsi nelle gelide notti invernali e quella felicità semplice, fatta di piccole cose come il profumo di cioccolata calda o il sorriso di una cliente quando le consegnava l’abito che aveva sognato.

   Cominciò un autunno, quasi senza che se ne accorgesse. Un volto imbarazzato che prometteva di pagare l’abito non appena avesse avuto i soldi, occhi tristi che chiedevano di poter acquistare un cappotto per il figlio, pagandolo un po’ per volta e a ognuno di loro Josephine disse di sì, certa della loro bontà e onestà. Aveva visto periodi più bui, durante i lunghi anni della guerra, e ricordava la fame e la disperazione. Forse proprio per questo Josephine non riuscì a negare il suo aiuto a nessuno.  
    Poi arrivò il vento del nord e la neve. Cominciò a mancare la legna per scaldarsi e come spesso accade, la spirale della povertà inghiottì i più deboli e spaventò i più ricchi. Ma se i primi cercarono di saldare i loro debiti con quel poco che possedevano, gli ultimi presero tempo, senza rendersi conto che la povertà si nutre del tempo come il fuoco dell’aria.
   Josephine smise di comprare le stoffe più belle, e un po’ per volta la bottega si svuotò delle clienti più facoltose. Le sole stoffe che poteva permettersi non erano alla loro altezza.
   Fu la  prima volta che Josephine, mortificata dalla vergogna e dall’imbarazzo, si trovò a chiedere loro di saldare il debito. Naturalmente, e non senza un certo fastidio, le fu promesso che l’indomani l’autista o la cameriera avrebbe provveduto a recapitarle quanto dovuto.
   Ma i giorni passarono e nessun autista bussò alla sua porta.
  Ciò però non impedì loro di continuare a mandare a Josephine i loro eleganti capi da stringere, allargare e impreziosire con un ricamo. E ancora una volta Josephine confidò nella loro onestà, sapendo che anche una sola moneta d’argento avrebbe fatto la differenza.
   Invece la bottega cominciò a diventare sempre più fredda e quando anche il filo per cucire finì, Josephine fece la sola cosa che poteva fare: si strappò alcuni dei suoi lunghi capelli d’argento e li usò per terminare il lavoro.
   Lavorò incessantemente notte e giorno, al lume di candela e al freddo, ripetendosi che prima o poi l’inverno sarebbe finito e che la primavera avrebbe reso tutto più facile.
    Passò il Natale e passarono i giorni della merla. Quella che una volta era la lunga e folta chioma d’argento di Josephine ora somigliava a uno spolverino. Sarebbero passati anni prima che i capelli ricrescessero abbastanza da poterli usare come filo da cucire. Smagrita in volto e pallida per le notti passate insonni, Josephine vinse la vergogna e, per la prima volta dopo anni, uscì dalla sua bottega per andare a bussare alle porte di chi l’aveva ridotta in povertà. E fu quel giorno che scoprì l’umiliazione del dover chiedere ciò che era sempre stato suo. Ogni moneta che cadeva nella sua mano, bruciava come il fuoco e ogni sguardo di pietà mista a irritazione, era un ago piantato nel cuore.
   Quel giorno raccolse 24 monete d’argento, abbastanza per poter comprare un bel taglio di stoffa e una cassetta di fili nuovi, ma non per cancellare l’umiliazione e gli stenti di quel lunghissimo inverno.
   Sotto il peso di una stanchezza mai provata prima, tornò alla bottega e per diversi giorni rimase a guardare il mondo fuori dalla sua finestra, ricordando gli anni in cui quelle stesse strade erano animate dalle voci e dalle risate delle brave persone. L’ombra della fame e della povertà aveva spento molto più del fuoco nei camini. 
    Fu all’alba del terzo giorno che Josephine seppe cosa doveva fare. Prese l’ultimo vecchio scampolo di stoffa dal cesto e cucì un caldo manicotto per la fioraia. Al suo interno, ricamò la propria iniziale con ciò che rimaneva della sua lunga chioma. Lasciò sul tavolo da lavoro le 24 monete d’argento e dopo aver consegnato il pacchetto al postino, s’incamminò lentamente lungo la strada che portava fuori dalla città.
    Le monete furono trovate molte settimane dopo.
    Nessuno si era accorto della scomparsa della sartina che aveva sempre vissuto nell’ombra fino al giorno in cui le cuciture degli abiti confezionati nella fredda disperazione di quell’inverno, e mai pagati, presero misteriosamente fuoco, lasciando sulla pelle di chi li indossava un minuscolo marchio d’infamia mentre gli abiti che portavano al loro interno l’iniziale ricamata di Josephine, simbolo di una bontà che non chiedeva nulla in cambio, hanno varcato oceani e cime innevate di tutto il mondo mantenendo nei secoli, il loro dono più prezioso: portare, a chi li indossa, la felicità.
         Dedicata a tutti coloro che hanno il coraggio dell’onestà


                          Tutti i diritti riservati Claudia Mancino
                             Illustrazione di Filippa Firriolo

66 commenti:

  1. la favola di un cuore generoso <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io credo che generosità e onestà siano due concetti imprescindibili

      Elimina
  2. Bella, semplice, profonda e dura. Quanto dai da pensare con le tue storie Claudia!!

    RispondiElimina
  3. Una storia bellissima, Claudia. Molto attuale e molto dura nella sua infinita dolcezza. Hai una capacità di raccontare che è di pochi e la cosa che mi piace di più è sempre il doppio livello di lettura.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benvenuta Carmela e grazie di cuore per il complimento

      Elimina
  4. La povertà si nutre del tempo come il fuoco dell'aria.
    Straordinaria
    Vanni

    RispondiElimina
  5. Risposte
    1. oh, come sono contenta che ti sia piaciuta :-))))

      Elimina
  6. Commovente e molto vera. Bella da morire

    RispondiElimina
  7. Mi sono sentita malissimo quando ho letto questa storia perchè nel mio piccolo ho rimandato anche io dei pagamenti. Vuoi sapere una cosa? Mai e poi mai avrei pensato a quello che potevo scatenare. E' una storia teribile e meravigliosa e credo che mi abbia cambiato perchè ora, prima di agire, penso sempre a quello che la mia scelta comporta per gli altri. Ero diventata egoista e superficiale. non ne vado fiera ma non pensavo di fare del male agli altri giuro. Cosa posso dirti se non grazie per avermi aperto gli occhi e la coscienza.
    GM

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quello che hai scritto è bellissimo GM. Un abbraccio

      Elimina
  8. Una vita in una storia. Sei di una bravura incredibile. Mi sono emozionata tanto

    RispondiElimina
  9. Meravigliosaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa!!!

    RispondiElimina
  10. Mi sembrava di essere lì... nella Parigi delle carrozze. Bellissima!

    RispondiElimina
  11. Il coraggio dell'onestà è qualcosa che abbiamo dimenticato. Leggo le tue storie, una più bella dell'altra e mi chiedo cosa siamo diventati? Non importa che tu le ambienti in altri luoghi e in altri tempi. Sono storie tremendamente attuali che dovrebbero farci riflettere tutti. E' questo il mondo che abbiamo costruito per i nostri figli? Vorrei dire di no, ma mentirei. Ognuno di noi è responsabile anche quando non è direttamente coivolti. Siamo ressponsabili ogni volta che giriamo al testa dall'altra parte e non condanniamo apertamente ciò che vediamo.E' il nostro silenzio il colpevole più grande.
    Sei una scrittrice straordinaria. E apprezzo molto la tua scelte di regalarci le tue storie con questo blog.
    Grazie Tonino

    RispondiElimina
  12. Se tu sapessi quanti ne conosco, Tonino... ogni scelta, anche quella più piccola e silenziosa è una scelta morale. Ciò che io credo sia andato perduto è il senso della vergogna

    RispondiElimina
  13. Splendida e cruda allo stesso tempo. Ho quasi paura di immaginare cosa accade alla sartina...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il finale lo lascio alla vostra immaginazione, Emy. Puoi vederci quello che vuoi.

      Elimina
  14. Che male al cuore!

    RispondiElimina
  15. Mi ha compito moltissimo la dedica finale. Il coraggio dell'onestà. E' come uno schiaffo. Dobbiamo cambiare qualcosa in questo mondo in cui le persone valgono meno delle cose. E dobbiamo capire quanto i nostri gesti, a volte quasi insignificanti agli occhi di tutti hanno invece il potere di fare del male. la tu storia è un invito a guardarsi davvero nella coscienza e chiederci se davvero vogliamo essere quello che siamo diventati. E comincio io per primo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so quando abbiamo smesso di vedere, ma è successo. Ci limitiamo a guardare e quando anche quello diventa difficile giriamo la testa dall'altra parte. Ma non è mai tardi per tornare indietro.Sei un grande, Pasquale

      Elimina
  16. Bella da fare male

    RispondiElimina
  17. Questa storia mi ha fatto piangere

    RispondiElimina
  18. Hai idea di quanto è terribile questa storia nella sua dolcezza?

    RispondiElimina
  19. Una sola parola: meravigliosa!

    RispondiElimina
  20. Mamma mia... il finale mi ha lasciata senza fiato. Storia bellissima. Complimenti
    Corinna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Volevo che ognuno scegliesse il proprio finale .-)

      Elimina
  21. Le tue storie mi hanno tenuto compagnia ieri notte, mentre tutti festeggiavano. Io non potevo uscire. Grazie Claudia, le ore trascorse a leggere le tue favole sono volate e credo di essermi portatat via moltissime domande. Raramente leggo cose che mi coivolgono così. La storia della sartina è particolarmente attuale, mi ci sono identificata, sai? Ma non farò la sua fine. Appena mi rimetto in piedi busserò alle porte e pretenderò ciò che mi è dovuto, senza vergogna. Buon Anno

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fallo a testa alta. Felice di averti tebuto compagnia e buon anno anche a te

      Elimina
  22. Quanta verità in questa storia. E' bellissima

    RispondiElimina
  23. Giuseppe Tarantogiugno 01, 2016 8:47 AM

    Il coraggio dell'onestà è cosa rara di questi tempi

    RispondiElimina
  24. Molto molto bella e molto molto vera. Un pugno nello stomaco per tutte quelle persone incapaci di pietà

    RispondiElimina
  25. Non è mai cambiato nulla. Questa favola è bellissima e tanto tanto triste

    RispondiElimina
  26. Troppa ingiustizia e prepotenza verso i miti.

    RispondiElimina
  27. In un mondo di rapaci predatori chi è mite può soccombere, ma soccombe la parte migliore dell'umanità!

    RispondiElimina
  28. Questo è il mondo in cui stiamo crescendo i nostri figli. C'è molto molto su cui fermarsi a riflettere perchè fare del male è più facile di quanto non sembri

    RispondiElimina
  29. Quanta vita vera in questo racconto!
    Gianni

    RispondiElimina
  30. Quanta vita cera in questo racconto!
    Gianni

    RispondiElimina
  31. Le ho lette tutte e una domanda vorrei fartela, perchè ho la sensazione che dietro a ognuna di queste favole o storie ci sia qualcosa di vero che forse è accaduto a te o a qualcuno che conosci. Può essere? Perchè lette in questa ottica assumono un significato ancora più profondo, come se tu usassi la penna per mettere a tacere le male lingue, vedi Bisbigli, o punire, o far riflettere su quanto siamo diventati supericiali ed egosti. Io le trovo straordinarie, un ritratto davvero impietoso della società di oggi e di come noi uomini non cambiamo mai. Commoveti. Dure. A volte spietate. Sei molto rava, davvero molto molto brava
    Silvio

    RispondiElimina
  32. Indifferenza ed egoismo ... tra i peggiori mali di oggi

    RispondiElimina
  33. Il denaro sopra tutto.

    RispondiElimina
  34. Non è mai cambiato nulla

    RispondiElimina
  35. Sono d'accordo,non è mai cambiato nè cambierà mai nulla

    RispondiElimina
  36. Un pugno nello stomaco e uno schiaffo alla coscienza di molte persone. Bravissima

    RispondiElimina
  37. questo finale sospeso mi ha fatto pensare al peggio. E' talmente reale questa storia, così ... come posso dire, specchio del mondo in cui viviamo oggi che fa male leggerla.

    RispondiElimina
  38. Bellissima anche la dedica. Il coraggio dell'onestà. Merce rara.
    Buon Natale Claudia

    RispondiElimina